Il Capodanno più lungo del mondo omaggia Fellini verso il centenario della nascita

Federico Fellini

Una lunga festa all’insegna della Dolce Vita, un capodanno lungo più di un mese consacrato al segno felliniano del “tutto si immagina”.

Non poteva non essere un’edizione con un omaggio speciale, quella del cartellone ‘Rimini, il capodanno più lungo del mondo’ che condurrà dritti verso il 2020, anno che celebrerà il centenario della nascita di Federico Fellini.

Dalla grande mostra "Fellini 100 e La dolce vita Exhibition”, al tema scelto per le luminarie natalizie e le scenografie del centro storico vestito a festa, fino agli eventi di punta del 31 dicembre: sarà all’insegna della Dolce Vita, del vivere bene italiano, del sogno, della spensieratezza e della visionarietà, la chiave che illumina e consacra questa edizione speciale, verso Fellini 100.

La festa si accende a Rimini a partire dal 30 di novembre, quando un tetto di stelle sostenuto da grandi mongolfiere con scritte di luci, illuminerà a festa piazza Cavour, trasportando l'immaginario cinematografico di Fellini e ripercorrendo le atmosfere di quelle indimenticabili pellicole attraverso le sue frasi celebri. In occasione dell’accensione delle luminarie natalizie del 30 novembre, Un mare di fuoco sbarca in piazza Cavour con tre diverse performance di mangiafuochi, fachiri, acrobati e incantatori fino all’esibizione ‘corale’ delle ore 18, che porterà all’accensione delle luci natalizie.

Mai come quest’anno il quadrante urbano compreso fra Piazza Cavour, Piazza Malatesta e Castel Sismondo, sarà all’insegna della Dolce Vita. Un allestimento coordinato diffuso che, dal 30 novembre fino al 20 gennaio, includerà scenografie esclusive, sopra un tappeto rosso alberato. Una pista di pattinaggio su ghiaccio in un circo di luci sarà protagonista in piazza Malatesta a fianco del Teatro Galli, il Mercatino Circ'amarcord, a cura di Cna, porterà in via Poletti l’artigianato artistico nella casette in stile liberty dai toni pastello e la Casa di Babbo Natale dove i bambini potranno lasciare le lettere e fare laboratori. E poi la giostra francese dei cavalli con immagini de La Dolce Vita.